Apnee notturne
Apnee notturne: sintomi, rischi e trattamento

Apnee notturne sintomi e rischi

Sindrome apnee notturne o meglio sindrome delle apnee ostruttive nel sonno (Obstructive Sleep Apnea Syndrome, OSAS) è un disturbo respiratorio del sonno caratterizzato da episodi ripetuti di completa o parziale ostruzione delle vie aeree superiori con segni e sintomi che possono determinare alcune conseguenze anche importanti oltre a causare una riduzione della qualità della vita.

I sintomi della sindrome delle apnee notturne si evidenziano nelle conseguenze diurne che sono:

  • sensazione di sonno non ristoratore
  • cefalea
  • eccessiva sonnolenza diurna
  • deficit cognitivi (disturbi di memoria, concentrazione ed attenzione)
  • aumentato rischio di incidenti stradali

Apnee notturne patente

A tal proposito, da una recente ricerca italiana pubblicata sulla prestigiosa rivista scientifica inglese “Chronic Respiratory Disease”, è emerso come ogni anno in Italia ben 17360 incidenti stradali siano provocati da autisti affetti da OSAS. Per questo motivo il 13 gennaio 2016 è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il decreto legge che recepisce la direttiva europea sul rilascio e rinnovo delle patenti di guida a conducenti affetti da disturbi del sonno. Questo decreto stabilisce, per i guidatori che soffrono di disturbi del sonno, l’obbligo di sottoporsi a test medici che accertino e documentino la sindrome delle apnee ostruttive del sonno (OSAS).

A livello cardiovascolare, infine, i principali rischi legati alla sindrome delle apnee notturne riguardano l’insorgenza di disfunzioni sistemiche quali:

  • ipertensione arteriosa sistemica
  • cardiopatia ischemica
  • infarto
  • aritmie

Se soffrite di un problema di russamento, quindi, è bene non sottovalutare le possibili complicanze quali ad esempio la sindrome delle apnee notturne. Per analizzare la vostra situazione personale e trovare una soluzione potete prenotare una visita specifica. Spesso, se l’intervento chirurgico non è necessario, è sufficiente indossare una placca anti-russamento realizzata sulla base dell’impronta delle arcate del paziente. Tale placca limita il russamento ed è in grado di risolvere e migliorare la situazione di disagio.

Apnee notturne rimedi e soluzioni

Maschere per apnee notturne

Malgrado l’effettiva efficacia, la terapia ventilatoria con CPAP (Continuous Positive Airway Pressure) ossia tramite maschere per apnee notturne che funzionano sulla ventilazione a pressione positiva delle prime vie aeree, risulta poco tollerata dai pazienti a causa dell’ingombro e della rumorosità dell’apparecchiatura.

Fortunatamente la tipologia di apparecchi disponibili si è evoluta nel tempo.
Oggi, infatti, i dispositivi medici intraorali adatti alle apnee nottune sono più confortevoli, meno ingombranti e più tollerati di quelli prodotti in passato.  Questi dispositivi intraorali sono raccomandati a livello internazionale per un numero sempre più esteso di casi, come dimostrato dalle linee guida dell’AASM (American Academy Sleep Medicine).

Apnee notturne (OSAS): trattamento odontoiatrico

È proprio su questo fronte che il dentista assume nei confronti del quadro dei sintomi specifici delle OSAS un ruolo importante: il dentista è infatti fondamentale nella diagnosi, nell’individuazione del problema e, per quanto di competenza, nella risoluzione terapeutica tramite l’adozione di dispositivi medici intraorali (OA- Oral Appliance).

Questo genere di dispositivi intraorali sono realizzati sulla base dell’anatomia della bocca del paziente e sono poco invasivi da indossare. Il ruolo di tali dispositivi è quello di mantenere la pervietà delle vie aeree posteriori alla lingua, spostando in avanti e/o mantenendo chiusa la mandibola. In questo modo si aumenta la dimensione verticale occlusale e si evita l’occlusione parziale o totale del flusso respiratorio.

Doc Snore Nix: dispositivo intraorale poco invasivo per il trattamento delle apnee notturne

Doc Snore Nix è realizzato in materiale biocompatibile
Il dispositivo “Doc Snore Nix” è realizzato in materiale biocompatibile

Il dispositivo intraorale scelto ed utilizzato presso il Centro Chirurgico è denominato Doc Snore Nix. Esso viene realizzato su misura in laboratorio odontoiatrico in base all’impronta presa in studio dal dentista e si adatta esattamente alla posizione dei denti del paziente.

La presa dell’impronta è indolore, semplice e dura pochi minuti. La realizzazione del dispositivo richiede solo qualche giorno. Il Doc Snore Nix è semplice da applicare e si può togliere in qualsiasi momento.

L’igiene e la cura di questo dispositivo è facile da seguire. Senza ricorso ad interventi chirurgici o trattamenti complessi,  portando Doc Snore Nix solo di notte e trattandosi di un dispositivo che porta fisiologicamente la mandibola in avanti, si evita la caduta della lingua nella faringe ed è possibile ridurre il russamento fino al 100%.

Doc Snore Nix è costruito con materiali biocompatibili. Il dispositivo viene applicato la sera prima di coricarsi e tolto dopo essersi alzati al mattino. Il Doc Snore Nix  non ostacola la deglutizione né il parlare e garantisce una respirazione sana e distesa.

Dispositivo intraorale Doc Snore Nix
Dispositivo intraorale Doc Snore Nix – riduce il russamento fino al 100%
Allineamento Mandibola con il dispositivo Doc Snore Nix
Allineamento Mandibola con il dispositivo Doc Snore Nix

 

Adattandosi individualmente, risulta comodo da portare e di facile utilizzo. Una volta consegnato l’apparecchio, sarà necessario individuare l’avanzamento mandibolare ottimale, in assenza di sintomatologia algica a carico della muscolatura o delle articolazioni temporo mandibolari (ATM), fino ad ottenere il migliore compromesso fra i risultati documentati da uno studio polisonnografico (nei casi più gravi) e il comfort riferito dal paziente.